sabato, Maggio 18, 2024

HomecronacaGiulia Cecchettin, omicidio "crudele e premeditato": chiuse le indagini, Turetta rischia ergastolo

Giulia Cecchettin, omicidio “crudele e premeditato”: chiuse le indagini, Turetta rischia ergastolo

(Adnkronos) – Un omicidio crudele e premeditato. Un reato pluriaggravato che, da solo, già può costare l’ergastolo, ma Filippo Turetta, in carcere a Verona per aver ucciso l’ex fidanzata Giulia Cecchettin, 22 anni, deve difendersi anche dalla contestazione di stalking – novità che insieme alla premeditazione emerge dalla chiusura dell’indagine – e dai reati di sequestro di persona e occultamento di cadavere. A sei mesi dal suo arresto, dopo una fuga di una settimana in Germania, arriva dalla procura l’atto che anticipa la richiesta di processo per il caso che mediaticamente ha segnato un punto di svolta nei racconti di femminicidio. 

Dopo la pronuncia del gup, attesa entro l’estate, il processo per l’ex studente che ha confessato il delitto – le accuse impediscono con la recente riforma la possibilità di ricorrere al rito abbreviato – potrebbe iniziare già in autunno. Corposo il fascicolo nelle mani degli inquirenti che sostengono che Giulia sia stata uccisa “con crudeltà ed efferatezza”. Aggredita e accoltellata una prima volta a 150 metri dalla sua casa di Vigonovo (Padova), poi nuovamente colpita nell’area industriale di Fossò, quindi caricata in macchina e abbandonata vicino al lago di Barcis. Un delitto “aggravato dalla premeditazione” come dimostra “tutta una serie di modalità e attività” messe in atto dall’ex fidanzato: “la ricerca sul web di luoghi di montagna dove nascondere il cadavere, l’acquisto di cerotti, scotch e corde con cui legarla e di altri strumenti atti al suo disegno, l’acquisto della cartina stradale per la fuga” spiega il procuratore capo di Venezia Bruno Cherchi.  

E’ sabato 11 novembre del 2023 quando Giulia, che si sarebbe dovuta laureare quattro giorni dopo in Ingegneria biomedica all’Università di Padova, esce in compagnia dell’ex fidanzato e compagno di studi. Una serata trascorsa in un centro commerciale a Marghera, poi la scomparsa e giorni di angoscia per papà Gino, la sorella Elena e il fratello Davide che non hanno mai creduto all’allontanamento volontario. Un’idea che diventa certezza il 18 novembre quando il corpo di Giulia viene trovato senza vita in provincia di Pordenone. Nessuna traccia di Filippo Turetta fino al suo arresto vicino Lipsa, in Germania, dopo una fuga di oltre mille chilometri. 

Per il gip di Venezia Benedetta Vitolo, che firma l’ordinanza di custodia cautelare, il 22enne mostra una nitida volontà di uccidere. Nel parcheggio di via Aldo Moro aggredisce e prende a calci Giulia mentre lei invoca ‘aiuto’ e grida ‘mi fai male’. Urla, sentite da un testimone, che allarmano Turetta – probabilmente le tappa la bocca con del nastro adesivo – e che forse cambiano, in parte, i suoi piani. La costringe a risalire in auto fino alla zona industriale, circa quattro chilometri che percorre in una manciata di minuti. La telecamera di un’azienda indica le 23.40 quando inquadra Giulia che scappa. Chi la segue è “più veloce, la raggiunge e la scaraventa a terra” e la giovane “dopo pochi istanti non dà segno di muoversi” scrive il gip. Morirà per lo shock emorragico provocato dal colpo alla testa e dalle coltellate, diverse sul corpo, almeno 25, secondo l’autopsia.  

“Sono affranto, dispiaciuto per la tragedia che ho causato. Non voglio sottrarmi alle mie responsabilità, voglio pagare quello che sarà giusto per aver ucciso la mia ex fidanzata” le parole di Turetta pronunciate davanti al gip di Venezia, prima di decidere di non rispondere alle domande.  

In carcere, prima di un incontro straziante con i genitori, davanti al pm di Venezia Andrea Petroni, cerca di mettere ordine tra fatti ed emozioni alternando parole sussurrate, pause ripetute e silenzi di chi fatica a ricordare o preferisce non indugiare nei particolari sul come e perché ha ucciso Giulia Cecchettin. Assistito dagli avvocati Giovanni Caruso e Monica Cornaviera per ore – nell’interrogatorio del primo dicembre scorso – cerca le parole giuste, si rintana nei ‘non ricordo’, s’interrompe, chiede tempo per riprendere fiato e forze, vacilla ma confessa di aver “fatto una cosa orribile”, lui incapace di accettare che la “mia Giulia” non fosse più sua.  

 

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments