Homesalute/sanitaVaiolo scimmie, Ue compra 110mila vaccini

Vaiolo scimmie, Ue compra 110mila vaccini

(Adnkronos) – Oggi “firmerò un accordo per circa 110mila vaccini per il vaiolo delle scimmie, per poterli consegnare agli Stati membri a partire dalla fine di giugno”. Lo dice la commissaria europea per la Salute Stella Kyriakides, a margine del Consiglio Salute a Lussemburgo, senza aggiungere altri dettagli. 

“Abbiamo ora circa 900 casi di vaiolo delle scimmie nell’Ue – continua – e circa 1.400 nel mondo. E’ la prima volta che usiamo fondi Ue per comprare vaccini che possiamo poi distribuire agli Stati membri. Questo mostra quello che possiamo fare quando lavoriamo insieme”, conclude.  

Al Consiglio Salute a Lussemburgo partecipa anche il ministro Roberto Speranza, che oggi sarà anche a Bruxelles per la partita dell’acquisto comune di vaccini per il vaiolo delle scimmie in Ue.  

Ecdc: 901 casi in Ue, nessun morto 

Fino a ieri nell’Ue e nello Spazio Economico Europeo si sono registrati “901 casi confermati di vaiolo delle scimmie”. Lo dice la direttrice dell’Ecdc Andrea Ammon, collegata in audizione da Lussemburgo con la commissione Envi del Parlamento Europeo a Bruxelles.  

I Paesi che hanno il maggior numero di casi nell’Ue, continua Ammon, sono “Spagna, Portogallo e Germania” e il Regno Unito fuori dall’Ue. I casi sono finora concentrati in “giovani maschi che identificano se stessi come uomini che hanno rapporti con altri uomini”, anche se, ricorda, “la trasmissione del virus non è legata all’orientamento sessuale. Finora non ci sono stati morti”, conclude. 

Ora che, in estate, “ci saranno più raduni di massa anche per le comunità Msm (Men who have Sex with other Men, uomini che fanno sesso con altri uomini, ndr), piuttosto che cancellarli dovrebbero essere visti come un’opportunità per aumentare la consapevolezza sui rischi e sui sintomi”, ha continuato Ammon.  

“E’ anche importante prevenire la stigmatizzazione, chiarendo che la trasmissione del vaiolo delle scimmie non è legata all’orientamento sessuale”. Bisogna invece “informare su cosa fare e dove andare quando si sviluppano i sintomi”. Gli eventi di massa sono “opportunità per fare della promozione sanitaria”. 

Il vaiolo delle scimmie, ha quindi ricordato, “non si diffonde facilmente da persona a persona”. Il contagio “avviene tramite un contratto stretto con materiale infetto proveniente da lesioni cutanee di una persona infetta oppure il droplet respiratorio con un contatto viso a viso prolungato e stretto”. 

“Nell’epidemia in corso – ha sottolineato – la localizzazione dei casi suggerisce che la trasmissione avvenga tramite contatto sessuale”. L’espansione fuori dai Paesi in cui il virus è endemico “è iniziato il 7 maggio, con una persona nel Regno Unito che proveniva dalla Nigeria. Non è insolito, era già capitato negli anni passati”. 

“Ma dal 18 maggio – ha aggiunto Ammon – in poi più Paesi dell’Ue e del See hanno riportato altri casi confermati o sospetti. Ora il focus è su una rapida diagnosi che consenta l’isolamento e il tracciamento dei contatti dei casi di vaiolo delle scimmie. Per farlo, bisogna fare alcune cose”. 

“Prima di tutto, serve una forte comunicazione del rischio e un’interazione con le comunità Msm (Men who have Sex with Men, ndr) e anche con il pubblico in generale – ha aggiunto – i messaggi devono essere un po’ diversi”. Oggi la probabilità che il vaiolo delle scimmie si diffonda tra gli uomini che fanno sesso con altri uomini “è considerata elevata nell’Ue e nel See. Tuttavia, va notato che la probabilità di una diffusione alla popolazione generale è bassa. E la maggioranza dei casi ha presentato sintomi lievi”. Per Ammon, infine, “è essenziale aumentare la consapevolezza nel personale sanitario, specie per i medici di base, i dermatologi e le cliniche specializzate nelle malattie a trasmissione sessuale”. 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Exit mobile version