sabato, Agosto 20, 2022

HomeeconomiaAuto, via libera a incentivi per veicoli non inquinanti

Auto, via libera a incentivi per veicoli non inquinanti

(Adnkronos) – Via libera al Dpcm (arrivata in questi minuti anche ok del Mef) su proposta del ministro Giancarlo Giorgetti alla rimodulazione degli incentivi per acquisto non inquinanti. In particolare, per l’anno 2022, si prevede, nell’ipotesi in cui l’acquirente abbia reddito inferiore ad euro 30.000, l’innalzamento al 50% dei contributi per l’acquisto di veicoli non inquinanti. Lo annuncia una nota del Mise. 

Nel dettaglio: a) per i veicoli di categoria M1 nuovi di fabbrica omologati in una classe non inferiore ad Euro 6, con emissioni comprese nella fascia 0-20 grammi (g) di anidride carbonica (CO2) per chilometro (Km) (elettrico), con prezzo risultante dal listino prezzi ufficiale della casa automobilistica produttrice pari o inferiore a 35.000 euro Iva esclusa, contributo attualmente pari a euro 3.000 e, se è contestualmente rottamato un veicolo omologato in una classe inferiore ad Euro 5, pari 5.000. 

b) contributo per i veicoli di categoria M1 nuovi di fabbrica omologati in una classe non inferiore ad Euro 6, con emissioni comprese nella fascia 21-60 grammi (g) di anidride carbonica (CO2) per chilometro (Km) (ibrido), con prezzo risultante dal listino prezzi ufficiale della casa automobilistica produttrice pari o inferiore a 45.000 euro Iva esclusa, contributo attualmente pari euro 2.000 e, se è contestualmente rottamato un veicolo omologato in una classe inferiore ad Euro 5, pari a euro 4.000. Potrà beneficiare del contributo aggiuntivo un solo soggetto nell’ambito dello stesso nucleo familiare. 

Il medesimo comma affida a un successivo decreto direttoriale del ministero dello Sviluppo Economico la definizione della disciplina procedurale al fine dell’erogazione dell’incentivo.  

I bonus sono estesi anche alle persone giuridiche che noleggiano le autovetture purché ne mantengano la proprietà almeno per 12 mesi. La ratio è che sull’elettrico e plugin – spiega il Mise – (0-20, 21-60) rimane una quota significativa di risorse e siccome il disegno degli incentivi si sta dimostrando corretto”.  

“La quota di mercato prevalente è di produzioni italiane – dice Giorgetti – con questa misura aumenteremo la penetrazione di veicoli a basse emissioni, continuando a sostenere le produzioni industriali, secondo il disegno che avevo in mente all’inizio del mio mandato”. 

 

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments